All’interno del progetto “Percorsi al femminile”, a cura di Stefania Calledda, l’Associazione Grazia Deledda di Vicenza è lieta di invitarvi a due incontri con quattro personalità femminili sarde che si sono distinte per le loro capacità professionali, rappresentando, nel loro ambito, un esempio di come l’essere donna possa essere un valore aggiunto.

In particolare, si è scelto di porre l’accento sulle donne che operano all’interno delle cosiddette professioni STEM (dall’acronimo inglese di Scienze, Tecnologia, Ingegneria e Matematica) e ne costituiscono una marcata minoranza che sbilancia prepotentemente a favore del genere maschile un intero settore strategico per la società. Vale la pena ricordare che, tra le donne laureate, solo il 18% sceglie discipline STEM, ad esempio nel mondo informatico il 78% dell’occupazione è in mano a presenze maschili.  Le ragioni sono molteplici, come tanti i percorsi da intraprendere per superare questo divario: proviamo quindi ad aggiungere un mattone alla costruzione dell’emancipazione femminile, contro gli stereotipi e per una società più inclusiva.

I due appuntamenti saranno sia in presenza, presso la sede di Viale Anconetta 77 a Vicenza, sia on-line, seguibili in streaming sul canale YouTube: www.youtube.com/channel/UCIOrvhhA4jho6NkQ2XxFsLA

Primo incontro – 21 maggio ore 17.30
Saluti istituzionali di Presidente e delegate FASI (Federazione delle Associazioni Sarde in Italia)

  • Eleonora Cocco
    Professoressa ordinaria dell’Università di Cagliari e Direttrice del Centro Sclerosi Multipla Sardegna
  • Carla Mascia
    Ricercatrice presso il Laboratorio di Crittografia del dipartimento di Matematica dell’Università di Trento

Secondo incontro – 28 maggio ore 17.30
Saluti istituzionali di Presidente e delegate FASI (Federazione delle Associazioni Sarde in Italia)

  • Marianna Fontana
    Ricercatrice presso il CERN di Ginevra
  • Laura Locci
    Ingegnere e Amministratore Unico di Pasubio Tecnologia

Presenta e coordina Stefania Calledda.
L’ingresso è libero e gratuito, è richiesto l’uso le mascherine Ffp2.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.