Oggi la Sardegna è più povera, una ferita profonda fa soffrire il corpo tutto dei suoi figli che in ogni parte del mondo bruciano con i suoi olivastri, le sue ginestre, i suoi animali. Nessuna pena potrà mai restituirci un territorio prezioso per specificità, laddove per millenni si è preservato un patrimonio, deposito di fatiche umane, che proprio i suoi figli hanno spazzato via con la violenza delle fiamme.

Il nostro abbraccio va alle popolazioni colpite e a tutti coloro che davvero amano la Sardegna, il nostro monito alle autorità affinché vigilino perché non accada mai più, perché non sia l’ennesimo rogo, ma l’ultimo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.